Come nasce il FFF


Nato nel 2008, per volontà di Gianni Astrei, medico pediatra e membro di spicco del Movimento per la Vita, il Fiuggi Film Festival si prepara ad inaugurare la sua X edizione (23-29 luglio 2017) riscoprendo interamente la sua originaria vocazione cinematografica e prendendo, dunque, il nome di Fiuggi Film Festival. Il FFF è e continua ad essere un contesto in cui circolano idee che offrono punti di orientamento alternativi, e forse più solidi, rispetto a quelli promossi o passivamente veicolati dalle grandi agenzie informative e culturali del Paese.

La novità sta nella volontà di esplicitare fino in fondo lo strumento principale con il quale si intende promuovere una tale diffusione: il cinema appunto.  Ed il cinema, il miglior cinema, non conosce steccati: è esperienza dell’universale e, dunque, si offre a tutti coloro che cercano, con umiltà, itinerari di senso o possibilità di rispecchiamento. Il cinema è, infatti, esperienza di un accesso nuovo e produttivo al nostro mondo e alle nostre vite, attraverso la proiezione in altri mondi e in altre vite.

Consapevoli delle potenzialità infinite della narrazione cinematografica, che proprio nella distanza da noi stessi istituisce la possibilità di elaborare il significato della nostra identità, ci rivolgiamo ad un pubblico animato anzitutto dalla libera e liberante volontà di scoprire sempre nuove dimensioni di sé: famiglie, giovani, uomini e donne, non paghi di certezze passivamente consolidate, ma piuttosto ricchi di viva curiosità e desiderio di conoscere e conoscersi.

Il Fiuggi Film Festival è, però, anche occasione di divertimento. Nella suggestiva cornice della città termale di Fiuggi, l’evento, che ruota intorno ad un concorso internazionale per lungometraggi recenti ed inediti e alla proiezione di retrospettive a tema, offre un’esperienza di vacanza, con iniziative adatte a tutti, bambini inclusi. Per questi ultimi, oltre alle tradizionali proiezioni di film d’animazione, si è pensato anche ad uno spazio loro dedicato, il cosiddetto “Kids Corner”, provvisto di videogiochi. E poi, per tutti: un concerto musicale, un Musical a tema, e tante altre iniziative all’insegna dell’intrattenimento.

L’altra grande novità è costituita dal peso crescente attribuito alla Giuria Giovani, che dal 2015 avrà i caratteri di una giuria internazionale, composta da ragazzi tra i 14 e i 29 anni, divisi in due classi d’età. Per loro sarà realizzato un percorso di formazione cinematografica d’eccellenza, guidato da professionisti del cinema e da autorevoli esponenti del panorama culturale italiano e internazionale. Seguendo il filo rosso dettato dal tema annuale, i giovani giurati potranno esplorare i caratteri distintivi dell’arte cinematografica e, soprattutto, il grande tema del profondo rapporto tra cinema e vita, non trascurando gli straordinari apporti della migliore serialità televisiva degli ultimi anni. E se tale percorso non potrà mai esaurirsi nello spazio di pochi giorni, perché per sua natura inesauribile, potrà certo offrire i presupposti per un fruttuoso approfondimento individuale successivo.

Non mancherà, infine, la tradizionale Giuria composta da professionisti dell’industria cinematografica e da eccellenze della cultura italiana e internazionale, chiamati, insieme ai giovani e ai giornalisti presenti, a giudicare i lungometraggi in concorso.