TRUTH – IL PREZZO DELLA VERITA’

truth01

Scheda Tecnica

Votazione
8/10
Contenuti
8/10
Sceneggiatura
8,5/10
Giudizio Tecnico
8/10
Musiche
7,5/10

Quanto costa cercare la verità? Fino a che punto vale la pena rischiare per raccontarla? Tratto dal romanzo autobiografico della giornalista Mary Mapes, Truth and Duty: The Press, the President, and the Privilege of Power, Truth è un film che cerca di indagare sul valore della verità e propone un’attenta riflessione sull’etica dell’informazione.

Il film racconta il caso del controverso reportage investigativo prodotto dalla Mapes e trasmesso nel 2004 dal notiziario della CBS, 60 Minutes, nel quale, alla vigilia delle elezioni presidenziali, venivano rivelate delle prove secondo cui l’allora presidente George W. Bush, tra il 1968 il 1974, aveva trascurato il suo dovere durante il periodo di servizio prestato come pilota nella Guardia Nazionale dell’Aeronautica del Texas.

James Venderbilt, autore e direttore del film, non si pone troppo il problema di dimostrare la reale attendibilità dell’inchiesta portata avanti dalla Mapes e dalla sua equipe. Il regista sembra invece più che altro volersi concentrare sull’esigenza interna alla persona stessa di mantenere una propria integrità e coerenza sia professionale che umana. Più di tutto infatti la Mary Mapes del film lotta per restare fedele alla verità da lei scoperta e ai suoi ideali in merito alla libertà di informazione anche di fronte ai violenti e spropositati attacchi che riceve dalla stessa stampa per cui lavora.

Il nodo centrale della storia si sviluppa prevalentemente intorno a quanto accadde pochi giorni dopo la messa in onda del servizio. In Truth si comprende bene quanto l’attenzione dei media e del pubblico venne spostata dal contenuto dell’inchiesta a coloro che la produssero e in che modo la tempesta di accuse che seguirono fece a pezzi il lavoro e la credibilità dei protagonisti della storia. L’intera equipe di 60 Minutes, da Mary Mapes a Dan Rather, l’anchorman di successo della CBS presentatore della trasmissione, nel film diventano il nuovo oggetto dell’indagine e dell’accanimento mediatico.

Di fronte ai suoi giudici la protagonista afferma: “Questo è quello che la gente fa se non gli piace una storia: accusano e urlano, mettono in dubbio il tuo sistema e la tua obiettività, la tua umanità. Pregando Dio che la verità si perda nelle melma”. Mary Mapes è un personaggio che convince, è rappresentata in modo completo e realistico come una professionista seria e impegnata, ma anche come una madre e una moglie coinvolta e presente e una figlia sofferente. Così, attraverso il suo personaggio, Vanderbilt riesce superare la questione, ancora non del tutto chiusa, sulla verità dei fatti, e racconta in modo convincente l’interiore esigenza della persona di cercare, diffondere e difendere ad ogni costo la verità conosciuta. L’ampio spazio dedicato alla sfera della vita personale della protagonista inoltre conferisce leggerezza e gradevolezza al film.

Cate Blanchett interpreta in modo sublime e affascinante il temperamento multiforme della Mapes. L’amicizia che lega i personaggi di Mary e Dan, fondata su un solido affetto e su una profonda reciproca stima, è molto ben rappresentata. Il famoso presentatore Dan Rather nel film è Robert Redford. Il suo personaggio ha meno spessore: rappresenta l’icona di quella onestà intellettuale che negli ultimi anni si è persa dietro alla pressante esigenza mediatica di offrire un gran numero di informazioni in modo sintetico, immediato e senza un vero approfondimento. Tuttavia incarna bene l’ideale figura di padre che di fatto è per Mary nel film.

Nonostante la complessità della vicenda, Truth è un film che coinvolge anche senza indugiare in esasperazioni e sensazionalismi. Secondo il noto presentatore della CBS: “Questo film racconta cosa è successo alla libera informazione, come e perché è successo, e perché dovrebbe preoccupare”. E lo fa proprio nel momento in cui, sotto l’influenza di internet, il giornalismo rischia di diventare sempre più rapido e conciso e le informazioni vengono diffuse in gran quantità, in tempi strettissimi e spesso a discapito della qualità e dell’approfondimento.

Share this Post

About the Author
Vania Amitrano

Vania Amitrano

Facebook Twitter Google+

Laureata in Lettere, amante dell’arte, dello spettacolo e delle scienze umane. Ha insegnato nella scuola pubblica e privata; da anni scrive ed esplora con passione le sconfinate possibilità della comunicazione nel web.