Prestito con diritto di riscatto nel mercato di gennaio

coin

Carne fresca… di questo aveva bisogno il team FFF per proseguire con il buon trend del girone d’andata… Servivano persone nuove per aggiungere forze all’organico, preferibilmente giovani e con un forte desiderio di investire su loro stessi. Chi, allora, meglio di un giovane studente universitario cresciuto a latte, biscotti e cinema?

A poche ore dalla chiusura del mercato, mentre il telefono impazzava, arrivò una chiamata che sembrava essere una delle tante. “Pronto – si è sentito – sono Antonio Gaspari, il ragazzo con i requisiti che mi avete chiesto: l’ho trovato. Ce l’ho.”

Poco dopo il Mister e il Presidente decisero di incontrarlo, fu così che il 13 marzo alle 12:22 Badii si presentò all’appuntamento, fissato in un luogo anonimo per non suscitare sospetti tra la stampa, elegantissimo ma più agitato del solito. Preoccupazione e un po’ di paura si leggevano sul suo volto… in fondo non era mai entrato in contatto con un mondo del genere…

Cinema. Bastò nominare questa parola però per fargli cambiare postura sulla sedia e vederlo sicuro, finalmente si stava parlando del suo lavoro, di quello che avrebbe dovuto fare. Era chiaro che quello schema in campo lo conosceva bene.

La firma è arrivata nella notte e già il giorno dopo una folla di tifosi aspettava con ansia il suo arrivo per la presentazione ufficiale a Via Vallone Cera. Oggi Badii è in prestito al FFF e si sta pian piano guadagnando un posto da titolare e, con questo, la quasi certezza del riscatto da parte del nuovo club.

Svolge due allenamenti differenziati per integrarsi con il gruppo e capire le meccaniche della squadra: Il lunedì e il mercoledì si allena su Skype per perfezionare lo storytelling, mentre gli altri giorni li dedica, con il resto del gruppo,  al profilo into the dark, mettendo in campo le sue conoscenze, la sua tecnica e la sua prestanza fisica.

Piersanti, pur non avendo ancora diramato le convocazioni ufficiali per quest’estate,  gli ha fatto sapere per vie traverse che sarebbe felice di averlo quale parte dell’ufficio stampa

“Per me questo è un sogno che si realizza – ha commentato Badii dopo i primi mesi di permanenza  – la chiamata di Paolo mi rende orgoglioso ma ora serve avere la testa sulle spalle. Pensiamo ad “articolo dopo articolo” e alla fine tireremo le somme. Se facciamo bene il nostro lavoro, ognuno con umiltà, sono sicuro che il progetto sviluppato dalla società in questi anni inizierà a portare frutti importanti. “

Share this Post

About the Author
Gianluca Badii

Gianluca Badii

Facebook

Studente di cinema alla Sapienza di Roma e giornalista (se così si può dire) cinematografico; da quest'anno faccio parte dello staff del FFF. Fin da quando mio padre mi fece vedere "C'era una volta in America" a 8 anni, la settima arte è per me una ragione di vita. Da sempre l'uomo dell'ultimo minuto, ma sono convinto che ciò che importa è il contenuto, non la forma.


STORYTELLING